Corsi di Progettazione Europea by Consulta Europa

Divulghiamo un percorso di formazione interessante:  Consulta Europa propone corsi di progettazione europea con 3 tappe importanti Las Palmas, Bruxelles e Torino di 2 0 5 giornate.

A breve saranno lanciati i nuovi bandi europei Horizon 2020 e Erasmus+. Il team di Consulta Europa, esperto in progettazione e coordinamento di bandi europei, organizza momenti di formazione teorici e pratici. Per maggiori informazioni e iscrizioni training@consulta-europa.com

Consultaweb_mini

Riaprono le scuole, ritorna “Percorsi”

PERCORSI15-01Divulghiamo un’iniziativa interessante: sono da poco iniziate le scuole e puntuale ritorna il progetto“Percorsi”.

Fino al 15 novembre tutti gli interessati, in possesso dei tre requisiti previsti (frequenza del quarto o quinto anno delle superiori, ISEE non superiore a 25.000 Euro, residenza a Torino e provincia), potranno presentare la domanda online e accedere a uno dei 200 percorsi messi a disposizione dall’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo.

Percorsi è un progetto dell’Ufficio Pio, promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, volto a sostenere il risparmio degli studenti e delle famiglie al fine di creare un patrimonio da utilizzarsi per lo studio e la formazione.

Con Percorsi, si possono ottenere fino a 8.000 Euro a fondo perduto per le spese connesse agli studi e alle attività formative e culturali: dalle tasse scolastiche e universitarie all’acquisto di libri, dagli abbonamenti per il trasporto alle mense scolastiche, dall’acquisto di un tablet a quello di un PC.

È attiva la pagina Progetto Percorsi di Facebook dalla quale è possibile condividere post, immagini e video promozionali del progetto ed è disponibile il Press Kit contenente immagini e testi utili.

Tutte le informazioni e il modulo della domanda si trovano sul sito www.xcorsi.org

“Sipari sociali”, il palcoscenico come metafora di vita

Venerdì 16 maggio alle 20 e sabato 17 alle 17 si alza il sipario su un’iniziativa tutta torinese dove arte ed educazione si incontrano nel solco scavato dalla lunga tradizione di accoglienza e di sperimentazione sociale che caratterizza il territorio piemontese. Un connubio efficace e innovativo che si è tradotto in un progetto realizzato dalla Congregazione dei Giuseppini del Murialdo – che attraverso le strutture e le attività di Comunità Murialdo Piemonte  esprime la sua mission di essere accanto ai minori e ai giovani, soprattutto quelli in difficoltà – in collaborazione con il Teatro Regio.

Così, 70 ragazzi si esibiranno sul palco del teatro Piccolo Regio di Torino a conclusione di un percorso già sperimentato lo scorso anno con successo. Successo che ha portato, in questa seconda edizione, a un maggior coinvolgimento di partner pubblici e privati e di enti finanziatori: si è dunque creata una rete a sostegno di un’azione la cui doppia valenza sociale e culturale rappresenta un’importante occasione di arricchimento del territorio.

ADESIVO QUADRATO PICCOLO_Sipari Sociali-01Il progetto “Sipari sociali” nasce nel 2012 dall’esperienza di alcuni laboratori teatrali rivolti a bambini e ragazzi tra gli 8 e i 17 anni, con particolare attenzione a quelli con situazioni di fragilità sociale e familiare, nell’ambito dell’iniziativa del Teatro Regio “La scuola all’Opera”. A seguito di quest’esperienza, il desiderio dei ragazzi di essere protagonisti e di andare in scena con uno spettacolo vero e proprio ha spinto gli enti organizzatori a far evolvere l’iniziativa, allargando la partnership e ampliando il programma.

Ecco allora che nel 2013 va in scena “Aiutiamo Sam!”, spettacolo in un atto, eseguito con cori tratti da “Il piccolo spazzacamino” di Benjamin Britten. Le virtù dell’infanzia – senso dell’amicizia, coraggio, innocenza, amore per la vita – sono state al centro di un’interpretazione che ha coinvolto emotivamente i giovani attori. Un’esperienza di formazione e crescita personale, di partecipazione attiva a un progetto che sin da subito ha puntato sulla qualità della proposta. I ragazzi sono stati accompagnati, infatti, da oltre una decina di professionisti tra artisti, educatori e tecnici. Un team che per diversi mesi ha lavorato con i ragazzi all’insegna “dell’ascolto, della condivisione, della scoperta di nuovi canali espressivi e di un senso di appartenenza a una comunità che accoglie le diversità, le difficoltà del crescere e le unicità di ciascuno”. E’ questa la mission di “Sipari Sociali”.

La seconda edizione del progetto porterà in scena venerdì 16 e sabato 17 maggio prossimi “L’Elisir del Teatro”, liberamente tratto da “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti. Le vicende di un giovane timido e impacciato ma pieno d’amore accendono i riflettori sulle difficoltà della crescita e di inserimento sociale. Difficoltà che tutti gli adolescenti, e non solo quelli più “fragili”, incontrano. Di qui l’importanza e la scelta di coinvolgere ragazzi provenienti dai più diversi contesti, accomunati dal bisogno di trovare ognuno il proprio canale attraverso cui esprimere le emozioni.

prove-2014_2_mini1Tra le scuole coinvolte quest’anno, il liceo artistico Aldo Passoni, che ospita anche classi dell’indirizzo “Disegno di Moda e Costume”. “Per il laboratorio di scenografia, più tecnico, abbiamo sfruttato l’interesse e le competenze di questi ragazzi – spiega Maria Elena Aimo, coordinatrice della parte educativa del progetto per conto di Comunità Murialdo Piemonte – Per loro è anche un’occasione di arricchimento formativo”.

prove-2014_6_mini3-290x280Recitazione, espressione corporea, musica orchestrale e coro sono gli altri laboratori. In una prima fase del percorso i ragazzi possono sperimentarli tutti, per poi seguirne uno in particolare in base alle preferenze e alle attitudini. I lavori svolti dai diversi gruppi vengono infine messi insieme per allestire lo spettacolo finale.

Ma c’è un altro momento che chiude il percorso avviato: quello della rielaborazione dell’esperienza, insieme con gli educatori. “Vengono fuori tante emozioni e relazioni – continua Maria Elena Aimo – I ragazzi sono aiutati a dare un senso a questa esperienza. Ciò che hanno provato e imparato su quel palco farà parte del loro bagaglio di vita: sicurezza, capacità di presentarsi, di stare in relazione con sé e con gli altri, anche di fronte al pubblico. L’anno scorso è emersa la dimensione del gruppo, i ragazzi hanno dato molto valore al fatto di conoscere altre persone e la vita del teatro. Ogni gruppo ha fatto la sua parte, ma poi mettere tutto insieme è stato un momento entusiasmante: anche le parti più piccole e il lavoro dietro le quinte assumevano valore, ogni ruolo si rivelava indispensabile”.

Non sono mancate le difficoltà, prevalentemente legate al fatto che il progetto è impegnativo, soprattutto nell’ultima fase che richiede più tempo da dedicare alle prove. I ragazzi devono conciliare questa attività con la scuola e i loro impegni abituali. “La serietà, la qualità del percorso teatrale sono sottolineati dall’impostazione professionale  –  dice ancora la coordinatrice educativa – La regista, abituata a lavorare con grandi artisti, fa una richiesta importante ai ragazzi. L’intento è offrire un’opportunità agli adolescenti, a tutti, non solo a quelli più fragili. Anche per gli educatori è un’esperienza importante: devono lavorare su materiale vivo, aiutando a fare ordine, dare senso, armonizzare”.

aiutiamo SAM_03Gli obiettivi di “Sipari sociali” sono ambiziosi: creare partnership con altri teatri, creare un network italiano/europeo, rendere il progetto un modello replicabile… “Questo in futuro – conclude Maria Elena Aimo –  Per quest’anno vorremmo riuscire ad attivare almeno una borsa di studio nelle discipline sperimentate per premiare l’impegno dei ragazzi e permettere ad alcuni di loro di coltivare un sogno e generare un talento”.